GLI ANNI DELLA GUERRA (1935-1945)

L'avventura del Derthona ai massimi livelli del calcio italiano termina dunque nel 1935. Parteciperà ancora a campionati di Serie C, con qualche anno trascorso in 1ª Divisione, fino al 1945, poi scenderà sempre più in basso.

1945-1955
Il Derthona resta per tre anni in Serie C, sfiorando in un caso anche la promozione.
 

L'ERA FRANZOSI - Il Presidentissimo (1955-1966)

La "rifondazione" del Derthona (1920-22)L'arrivo di Franzosi alla guida della società, in un primo momento, non sembra produrre grandi risultati. Ma, dopo l'esonero del trainer Bianchero, sostituito dall'allenatore-giocatore Mario Pietruzzi, ha inizio un girone di ritorno travolgente che vede il Derthona piazzarsi al secondo posto del Campionato di 1ª Divisione, dietro al Moto Alpino.
I bianconeri, per la prima volta nella loro storia, hanno uno sponsor: è la ditta O.M.T., di proprietà dello stesso Franzosi, il cui prestigio favorisce anche un maggiore interessamento da parte dell'ente locale. L'Amministrazione decide definitivamente di dare il via ai lavori, conclusi dopo circa due anni, per la costruzione del campo sportivo sul Castello.
Nel frattempo le gesta dei vari Torti, Codevilla, Zucconi ecc. mantengono desto l'entusiasmo dei tifosi: promozione conquistata.

 

1956-57 Campionato 1ª Divisione (1º classificato)
1957-58 Serie Promozione (metà classifica)
1958-59 IV Serie
1959-60 IV Serie Secondo posto
1960-61 Serie D Terzo posto
1961-62 Serie D Salvezza conquistata nello spareggio con la Sammargheritese. In questa stagione: dimissioni di Franzosi e di tutti i suoi collaboratori, compreso l’allenatore Pietruzzi.
1962-63 Serie D Retrocessione in 1ª Categoria
1963-64 I Categoria Secondo posto. Franzosi dà vita al Franzosi Club Tortona che si iscrive al campionato di II Categoria (allenatore Pietruzzi)
1964-65 I Categoria Primo posto nel proprio girone, perdono nelle finali.
1965-66 I Categoria Primo posto nel proprio girone, perdono nelle finali. (Stagione del derby con il Franzosi)


 

FINO AI GIORNI NOSTRI

Di seguito è riassunta la storia degli ultimi 40 anni, con gioie e dolori. La speranza è quella di poter gridare ancora "FORZA DERTHONA" calcando palcoscenici più consoni alla nostra gloriosa storia.

1966-67 Serie D Girone A 10º Classificato
1967-68 Serie D Girone A 2º Classificato
1968-69 Serie D Girone A Ritorno in Serie C
1970-71 Serie C 15°
1971-72 Serie C Il Derthona viene ad un certo punto indicata come una probabile pretendente alla promozione in serie B. Grazie all’arrivo di un buon numero di nuovi giocatori (Ardemagni, Spinelli, Consolandi, Consonni, Cipelli, Martini e il portiere U. Domenghini che vestirà la casacca bianconera per circa un decennio), l’allenatore Cesare Campagnoli può mettere in campo una formazione che lascerà un magnifico ricordo tra gli appassionati. Il cedimento avviene solo nell’ultima parte del torneo.
1974-75 Dopo cinque campionati di serie C il Derthona torna nella categoria inferiore
1977-78 Il 70º compleanno viene festeggiato nel migliore dei modi con la promozione in C2 (la nuova serie C sorta in seguito alla riforma dei gironi voluti dalla Federazione)
1978-79 Serie C2. Lunga rincorsa alla salvezza ottenuta con in panchina Ambrogio Pelagalli che, dopo poche giornate, aveva rilevato Trinchero
1979-80 Serie C2. Stagione nel segno di Gritti che con le sue 14 reti trascina il Derthona verso un tranquillo centro-classifica non privo di soddisfazioni.
1980-81
1981-82
Serie C2. Due campionati non esaltanti in cui la formazione bianconera ottiene il quartultimo posto, l’ultimo utile per la permanenza in C2
1982-83 Serie C2. Campionato di vertice. Evento dell’anno è l’arrivo sulla panchina del "messicano" Angelo Domenghini, per la prima delle sue quattro apparizioni
1983-84 Serie C2. Esordio da Presidente per Vittorio Vinciguerra. La squadra si conferma in posizioni di classifica medio-alte
1984-85 Serie C2. Campionato che ha consegnato alla memoria di tutti gli sportivi una squadra composta da giocatori come Piacentini, Salvioni, Signoroni, Pagano, Ravazzolo, Cenci, Gabbana, Gabetta. 4º posto, a soli tre punti dalla promozione.
1985-86 Serie C2. 13º classificato
1986-87 Serie C2. Promozione in C1 guidati da Domenghini
1987-88
1988-89
Serie C1. Il decennio che ha visto entrare per la prima volta i colori bianconeri nel calcio professionistico si chiude con un’altra bella impresa: la conquista della permanenza in C1.
1989-90
1990-91
1991-92
1992-93
4 retrocessioni consecutive: dalla C1 il Derthona passa alla Promozione
1993-94
1994-95
2 promozioni consecutive, riportano il Derthona in Serie D. Ritorno salutato con sollievo ed entusiasmo, in grado di ridare una bella spolverata ad un blasone un po’ offuscato.
1995-96 Campionato C.N.D. Per la prima volta, dopo 6 stagioni, il Derthona si conferma nello stesso campionato.
1996-97 Campionato C.N.D. 4º Classificato
1997-98 Campionato C.N.D. I 90 anni del Derthona vengono festeggiati con la salvezza strappata per un solo punto, dopo una stagione alquanto tormentata
1998-99 Campionato C.N.D. Tranquilla posizione di centro-classifica
1999-00 Campionato C.N.D. Tranquilla posizione di centro-classifica
2000-01 Campionato C.N.D. Il Derthona lotta per parecchio tempo ai vertici della classifica. Al termine alcune partite casalinghe lo portano a perdere la possibilità di essere promosso. Alla fine chiude al 4° posto.
2001-02 Campionato C.N.D. Partenza entusiasmante. Dopo 3 giornate il Derthona è in testa alla classifica. Per alcune giornate mantiene l'imbattibilità ma poi, pian piano, comincia la discesa che porterà alla retrocessione.
2002-03 Campionato di Eccellenza. Chiusura del campionato con una posizione di media-bassa classifica. Il Derthona vince la Coppa Italia regionale e raggiunge la finale nazionale dove viene battuto immeritatamente dal Ladispoli. Sfuma anche la possibilità di essere promossi.
2003-04 Un altro anno di Eccellenza con molte soddisfazioni ma con l'amarezza della promozione sfumata in tutte tre le occasioni presentate anche per la sfortuna dell'infortunio a Murgita. Il Derthona vince per il secondo anno consecutivo la Coppa Italia regionale.
2004-05 Campionato di Eccellenza. Il Derthona parte bene; per tutto il girone d'andata guida la classifica. Raggiunge le venti partite di imbattibilità ma dopo la prima sconfitta inizia una fase di crisi, dovuta anche agli infortuni di alcuni degli uomini migliori. Al termine i Leoni chiudono al terzo posto.
2005-06 Campionato di Eccellenza. Un campionato tranquillo anche se combattuto, sino a poche giornate dal termine, per l'entrata nei playoff.
2006-07 Campionato di Eccellenza. Partenza razzo dei Leoni che raggiungono un vantaggio di ben 8 punti sulle seconde. Una fase di calo, coincisa anche con la momentanea partenza di Bomber Giglio, rischia di compromettere il buon esito del campionato. Ma i ragazzi fanno gruppo e dopo altalenanti situazioni di classifica, riescono a guadagnarsi il primo posto alla penultima giornata nell'incontro casalingo contro l'Airaschese. Per l'ultima giornata trasferta ad Acqui Terme con entusiasmante vittoria per 3 a 2. E' fatta: E' serie D!
2007-08 Campionato di Serie D. Dopo sette partite i Leoni sono riusciti a totalizzare solo due punti, frutto di altrettanti pareggi. La società decide di cambiare la guida tecnica della squadra, affidandola a Mister Benzi che sostituisce Mister Tufano. Inoltre viene rivoluzionata anche la rosa con alcune partenze e nuovi arrivi. I risultati non tardano ad arrivare e, alla fine, proprio all'ultima giornata, arriva a Sanremo la salvezza diretta.
Un altr'anno sarà ancora serie D!
2008-09 Il campionato si chiude con uno splendido ottavo posto ottenuto in una situazione che definire surreale è un eufemismo. La squadra in cui milita il mitico Lulù Oliveira detto "il Falco", campione brasiliano di indiscusso valore, a Gennaio si ritrova retrocessa all'ultimo posto in classifica per un presunto caso di illecito sportivo dell'anno prima. Per più di un mese i Leoni sono costretti a giocare col rischio che tutti i loro sforzi vengano vanificati a fine anno. Mister Semino, subentrato a Mister Fornara, riesce a fare quadrato e il gruppo non smette mai di giocarsela contro tutti. Dopo circa un mese la condanna viene resa più "mite": -10 in classifica. Una marea di punti ma così almeno ci si può giocare la salvezza. La squadra continua a ben figurare e riesce ad inanellare una striscia positiva di ben nove risultati utili; splendida la prova in notturna a La Spezia dove in svantaggio di due reti dopo 10' i Leoni riescono a pareggiare la gara. Dopo pochi giorni arriva anche la sentenza che scagiona completamente il Derthona da ogni tipo di accusa. Vengono restituiti i 10 punti e tutto ritorna normale. Il 2010 vedrà ancora il Derthona in Serie D!
2009-10 Forse la stagione più travagliata e ricca di colpi di scena della storia del Derthona. All'inizio la squadra appare molto forte, cosa che non si può dire della Società che, dopo poche giornate, è costretta a lasciar partire i suoi migliori elementi. Si arriva a Dicembre con voci sempre più insistenti e realistiche di un probabile fallimento. Fortunatamente proprio in extremis subentra una nuova Società che cerca di correre ai ripari per costruire una squadra in grado di centrare la salvezza. Purtroppo però non si riesce a realizzare il miracolo di non retrocedere. Durante l'estate fortunatamente arriva la bella notizia. Il Derthona presenta domanda di ripescaggio e la stessa viene accolta. Per il quarto anno consecutivo i Leoni giocheranno la D!
2010-11 Il campionato non inizia malissimo e dopo una fase così così arriva anche una striscia di cinque vittorie consecutive. Nel prosieguo del torneo però, una serie di infortuni e la partenza di Pupita, mettono in crisi l'ambiente. Nel finale di campionato fortunatamente i ragazzi riescono a riabilitarsi alla grande raggiungendo la salvezza diretta pareggiando a Rivoli contro una diretta concorrente nella lotta per la salvezza. E' fatta! Ancora un anno di Serie D!
2011-12 La Società costruisce in Estate una squadra molto competitiva. La partenza è da urlo. C'è molto entusiasmo attorno ai Leoni. Come allenatore c'è l'ex juventino Michelangelo Rampulla e tra i giocatori brillano i nomi di Di Leo, Marrazzo, Zirilli e Serra. Nei primi tre mesi di Campionato il Derthona lotta per il primo posto poi col passare delle giornate tutto svanisce, sino alla fine dove si troverà l'ottava posizione in classifica.
2012-13 Durante l'Estate circolano voci sul fallimento del Derthona che invece si iscrive regolarmente al Campionato grazie ai sacrifici di Patron Flavio Tonetto che diventa Presidente. Viene scelto un allenatore con il compito di valorizzare alcuni giovani: si tratta di Simone Banchieri che a Tortona si comporta molto bene e alla fine ottiene una salvezza strameritata con molto anticipo, nonostante una penalizzazione di 3 punti. Il prossimo sarà il settimo Campionato consecutivo in Serie D!

 


 

<---precedente

continua--->

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2000-2019 - Softcapp - www.derthona.it - Tutti i diritti riservati
Immagini, video e audio sono coperti da diritto d'autore e non possono essere
in alcun modo utilizzati senza l'esplicita autorizzazione di www.derthona.it

Powered by Floatbox